Ma davvero il Feng Shui dice di lavorare vicino al fuoco?

Come mai?

Ieri, dopo avere pubblicato questo tweet, mi è stata rivolta la suddetta domanda.

postazione_lavoro_fuoco

E’ la mia postazione lavoro…140 caratteri non sono sufficienti per rispondere a questo genere di domande, così ho pensato di scrivere un post.

  Ho avuto la fortuna di acquistare una casa con caminetto e sono riuscita a farlo rientrare nell’area destinata al mio studio. Così, dopo averlo re-stilizzato secondo il mio gusto e le potenzialità energetiche della casa,  ho deciso che davanti alla mia postazione lavoro doveva esserci il fuoco.

Così è anche adesso, mentre scrivo quest’articolo.

  Il Feng Shui consiglia di avere il fuoco di fronte.

Come mai?

Per rispondere a questa domanda introduco il concetto di “sito ideale”.

Fermati un momento. Prova a pensare. Se io dico fuoco, tu…

Cosa ti viene in mente? Luce, calore, ardore, alchimia, ascensione, illuminazione, fierezza, espansione….

Cosa c’entra una postazione lavoro con tutto ciò?

 Il Feng Shui suggerisce di creare un “sito ideale” per ogni situazione che veda la persona impegnata nella stessa postazione, per un periodo abbastanza lungo. Diciamo da un’ora in poi. Suggerimento da seguire se svogli un lavoro d’ufficio, ad esempio.

E’ la condizione comune a chi lavora al computer,  ma vale anche per chi insegna seduto a una cattedra, per chi trascorre molto tempo a studiare, o a leggere.

Il  “sito ideale” è rappresentato dai quattro animali classici del feng shui.

   1.      La tartaruga nera a Nord

      2.      La tigre bianca a Ovest

      3.      Il drago azzurro a Est

      4.      La fenice rossa a Sud

A ogni animale del “sito ideale” corrispondono caratteristiche energetiche peculiari  descritte nel ciclo di trasformazione dei cinque elementi, dove colori e direzioni specifiche trovano giustificazione.

Disegno tratto dal testo “Manuale di Feng Shui” di Stephen Skinner

 

  Probabilmente hai notato che nell’immagine di destra è indicata la posizione di una tomba.

Il Feng Shui è una disciplina orientale che si è evoluta in quasi quattromila anni di storia. Alcune delle sue radici si piantano sul culto degli antenati che, in Cina, prevedeva la scelta della posizione della sepoltura in modo tale che gli avi che vegliavano sui discendenti, potessero influire in maniera positiva sul loro destino.

  Come hai visto nell’immagine, ciò che puoi ricreare con il Feng Shui, è una riproduzione virtuale della posizione che gran parte dei nostri avi scelsero per costruirvi la loro dimora, quando ancora la vita dell’uomo era connessa in modo imprescindibile alla natura. Loro sapevano che proteggersi dai venti più freddi provenienti dal Nord era una scelta salutare ed economica. Il loro buon senso li portava anche a collocare le aperture maggiori dell’edificio a sud, in modo da farvi entrare la maggiore quantità di energia solare possibile.

Solo così potevano godere panorami mozzafiato fino al punto da lasciare la fantasia libera di volare.

 

  Qui, c’è già una parte della risposta alla domanda della mia follower perché la sua postazione lavoro dovrebbe rispecchiare il “sito ideale”.

  La fenice rossa collocata a sud rievoca l’energia del fuoco. Un’energia calda, espansiva, rigenerante, innovativa….illuminante!

E’ quel tipo di energia che serve ogni volta che ti senti confuso, pieno di dubbi, imprigionato nei limiti che qualcun altro t’impone.

Tutte le volte che desideri un cambiamento, usa il fuoco per darti nuova luce!

Probabilmente stai pensando che è difficile avere un fuoco acceso davanti alla tua scrivania.

Può succedere che davanti a te non ci sia spazio. Anche potendo, un caminetto acceso, proprio non ci starebbe.

  Il Feng Shui comunica significati in maniera simbolica, attraverso l’impiego di forme, colori  e materiali associati ai cinque elementi, al fine di favorire flussi energetici positivi tra i protagonisti dell’ambiente: persone e cose.

Che ne dici di una composizione di candele? Funziona anche se sono spente. L’efficacia aumenta se sono accese.

E l’immagine di un sole splendente a mezzogiorno? La fotografia di un falò sulla spiaggia?

Metti una di queste cose davanti alla scrivania.

  C’è ancora qualcosa che puoi fare. Prendere una pianta con i fiori o le foglie rosse. Consiglio in particolare la Tillandsia, conosciuta per le sue capacità di assorbire l’inquinamento elettromagnetico generato dai telefoni cellulari, computer e dagli altri dispositivi.

tillandsiaLa forma  del fiore  e delle foglie non ti ricorda le lingue di fuoco? Se hai dubbi sul colore, sappi che vanno bene tutte le sfumature di rosso, dal rosa al viola.

Ora che hai capito cosa può smuovere l’energia del fuoco, che ne dici di provare a metterne una di fronte a te?

La cosa importante è che tu riesca a vederla perfettamente e che si trovi a una debita distanza dalla scrivania.

Solo così riuscirai a creare uno spazio d’azione nel quale fluirà l’energia illuminante del fuoco, riscalderà i tuoi pensieri con il suo il suo potere chiarificatore e ti farà compiere azioni di cui andare fiero.

Se vuoi avere pensieri illuminati, se stai cercando di fare chiarezza su alcune situazioni e anche tu vuoi essere ispirato , contattami per cercare insieme la soluzione più efficace per cominciare a compiere azioni di cui andare fiero.